lunedì 30 novembre 2015

Veglia d'anime;

Veglia d'anime;
domani,
tutto in una parola sola:
domani,
anima mia.
Le mani sono tese
e sono pronte le lacrime
e le risa
le paure a passare
le gioie a venire.
Scorre un tempo trepido di attese
un tempo interminabile
che centellina speranze.
Di là dai vetri la stagione è mutata
abbiamo visto le foglie inorgoglire sui rami
e poi svanire,
nel tempo rapido d'un vento senza repliche.
Siamo rimasti a guardare
come da dentro
senza nulla dire
senza altro attendere
soli e appesi a una speranza
a una parola unica:
domani.

Nessun commento: