mercoledì 17 agosto 2016

un calendario fermo a due anni fa

un calendario fermo a due anni fa
e a tutti gli anni che verranno
le lancette sono andate via
portandosi dietro le piccole cose
quelle che forse non bastavano
ad affrontare una vita ci vuole altro
non bastavano più
le pareti a difesa
ora sono distratte
tra una tela di ragno e l'altra
e l'occhio frettoloso
la mano che non si posa
occorrerà provvedersi di teli
e scostarli
perché la polvere non abbia il predominio
seguono
in duplice fila
formiche
sorprese le inghiotte
una luce subito richiusa
la prima volta qui
senza le tue domande
quelle che ritenevi le adatte
per il tuo mestiere antico di mamma.
Di quello che ti ho scritto
sulla tua lapide non si legge quasi nulla
non importa
a te non bisognava dire
eri mia complice di vita
sempre
prima che fosse giorno
così, come ora dormi
supplice di riposo.

Nessun commento: