martedì 31 dicembre 2013

A varca, La barca.



N’atu pocu e s’appiccin i luci
s’astùtin i gridàti di marinàri
e ncuna lampàra sinni scìvula
queta si stricannu
subb u grassu di travèrzi
e verz l’unna,
e già è nta maru
Jè minni staju oramà
Votata, u funn all’aria
E subba a riva chjanu chjanu
Sentu ca minni scilu
Jurnu doppu jurnu.

Nu mmi lamèntu
Ca n’he visti genti
Fìmmini ca m’aspettàvinu
Cuntenti e l’omin nta l’occhj
Chjari com a stidda polara
o nìvuri com a timpèsta
certi jurni mmenz u maru.

Erin' i megghj anni
E su’ passati
Mo’ mi sentu com na vecchja cumpàgna
o  ati voti com na nzìpida cunnànna.

Guàrdu a si guagnùni
E mi riànimu

E’ sira, e te’, n’arriva unu:
l’he vistu crìsciri
ccu si magghjcèddi a righi
‘e tanti culùri ca parìa nu gaddu
e mo’
mo’ s’apprisènta ccu a sigarettèdda
e sa guagnùna, nivura, bedda
ccu occhj ‘e zzingarèdda.

Su ancòra duj ciotarèddi
Si mìntini ddoc’arrètu
E pàrrin, pàrrin
Fin a quann  u cannaròzzu li si sicca
E allùra, ccu sa šcarda
U giùvinu s’accàla
E idda sinn fuìssa mmenz u maru
A mossa ‘e s’ammucciàre, si ci fòssin sipàli.

Ma u russùru passa
E suli suli i vasi arrìvin
E leggi leggi i paròli
Ncuna carìzza
E tanti sonni e riminìzzi

Su duj criatùri
E mi l’ammùcciu stritti
Sutta sa varca, e lassu ca li pìja u sonnu
Fin a quannu bussa u jurnu
Ch’i rišpìgghja,
Unu ncapìzzi, l’ata ara perìzzi.

La barca. 
Fra un po’ si accenderanno le luci
Si spengono le grida dei pescatori
E le prime lampare scivoleranno
Quiete sfregando
Sul grasso dei legnami
E verso l’onda
E già è nel mare
Io me ne sto oramai
Rivoltata, scafo all’aria
E sulla riva, piano piano
Sento che lentamente slitto
Giorno dopo giorno
Non mi lamento
Ne ho vista di gente
Di donne che mi aspettavano
Contente dei loro uomini negli occhi
Chiari come la stella polare
O neri come la tempesta
Certi giorni in alto mare
Sono stati gli anni migliori,
e sono passati
ora mi sento come una vecchia compagna
e altre volte come una insipida condanna
guardo questi giovani
e mi rianimo
è sera, ed ecco
ne arriva uno:
l’ho visto crescere
con quelle sue magliette a righe
di tanti colori che sembrava un gallo
ed ora
ora mi si presenta con la sigarettella
e la ragazzina, mora, bella
con occhi da zingarella
Sono ancora due sciocchini
Si siedono qua dietro
E parlano, parlano
Fino a quando la gola gli si secca
E allora, con la scusa
Il giovane si avvicina
E lei scapperebbe in mezzo al mare
A fingere di nascondersi, se ce ne fossero, dietro siepi
Ma il rossore passa
E soli soli i baci arrivano
E lievi lievi le parole
Qualche carezza
E tanti sogni e pensieri contorti
Sono due ragazzi
E me li tengo nascosti, stretti
Sotto questa barca, e lascio che si addormentino
Fino a quando busserà il giorno
Che li risvegli
Unu ncapizzi, l’ata mperizzi.*

*uno dal lato della testa del letto... improvvisato, l'altra dal lato dei piedi.






Nessun commento: