martedì 3 maggio 2016

Camminiamo.

Camminiamo
Dalle case dei pazzi
D'ogni tanto si affaccia
Qualcuno che sembra aver capito tutto
E sembra dire che non serve a nulla
Una sigaretta, forse
Un giaciglio
E le piccole case per le rondini
Che di maggio non servono
Come le domande o le risposte
Incoccate in un arco rapido di baleni.
Una rosa è una rosa è una rosa
E nessuno può saperlo meglio di un maggio
Che occhieggia dai rami di un ulivo.

Nessun commento: