domenica 6 settembre 2015

ci saranno sempre confini

ci saranno sempre confini
anche tra le lacrime
e le tue piccole suole
indifese sulla rena
si sono capovolte
le tue mani
e mostrano piccoli
i palmi
bastava così poco
fino a riva
un nulla
un quasi
e tutto il buio che invade
nel rogo di un soffione
non c'è nulla da fare
si dirà
e che questa è la vita
non vale
ai tuoi giochi non vale
sei così piccolo
e già sai cos'è morte
morte che cancella gli approdi
è la vita, si dirà
ma è la vita che finisce
e si chiama morte
come se si potesse giocare con i fronzoli
e nascondersi dietro a parole
come avrai fatto tu
giocando tra gli spiragli delle dita
inseguendo innocente
chi ruba vite e vende morte.

4.9.2015

Nessun commento: