sabato 19 settembre 2015

Il nostro cammino di ronda comincia

Il nostro cammino di ronda comincia
Quando tutti cercano il sonno
Quasi come il piacere della dimenticanza
E si continua
Scambiandoci di mano
Forse esiste un verde ospedale
Sarà questo, di corridoio
Ad angolo retto e finestre bloccate
Come un respiro che non si può sprecare
Un anelito che non si può scambiare
Un vetro a blindare il tuo passo
E la sera
Come una conchiglia che si accanisce.
Mille volte ho viaggiato nei tuoi occhi
E tu a condurmi, con la purezza che non ti ho mai detto
Per non macchiare quella parte migliore di me
Che di padre in figlio hai saputo salvare.
Facciamo per mano
Il nostro cammino
Di ronda e d'ospedale
E sono qui
Come un silenzio
A tenerti la mano.

16.9.2015

Nessun commento: