sabato 19 dicembre 2015

col desiderio d'innalzare sorrisi

col desiderio d'innalzare sorrisi
fieri
come monumenti alla speranza
cerco nei silenzi
nelle ricordanze
i fili che uniscono
i cieli e le stanze
a volte
rido di me, rido di brutto, rido di matto
ma tutto è dentro
come uno sguardo che non nasce
un fiore che non vola
una pace in cerca d'asce
da dissotterrare
come un non noli (1)
un non velle (1)
un non posse (1)
i ricami di stelle
tra volte, tra l'altre, tal'altre
s'ascondono in bordure
d'uncinetti
di lavori sì fini
che carezzarle è un attimo
è quando le stelle non resistono
e diventano donna,
e corpi
e amori
debordo, lo so
come un finale indistinto
un affondo di parole.
1: mi andava di scrivere così, sbagliando.

Nessun commento: