domenica 5 agosto 2012

sinni sù juti (con audio)



sinn sù jut i ris, e sù rimast i chjiant
sù occhji mmecchjiàt, senza manch 'na gulìa
sù finestr sbacantatat
e cammarùn amar
cannizz senza vent
e pruverata ca si mancia i strat

nìvur, nìvur sun i vich
e i luc spìjn quas all'ammucciùn
nìvur sù l'anim e i gùvit ar i barcun

e l'occhji u rìdin, un pon
c'un c'è cchjiù nessun
né 'na mana jazata,  né nu pizz a ris, 'nta su chjiar 'e luna
o i gafij, i juri, i cunt 'e ncun anzian

si senta na televisiona ca parra, parra, senza patrùn
e 'nu can ca li rispunna, e penzche è iddu ca tena ragiùn....

sono andate via le risa, e son rimasti i pianti
sono occhi invecchiati, senza più una voglia
sono finestre vuotate
e stanzoni amari
incannicciate senza vento
e polvere che divora le strade

neri, neri sono i vicoli
e i lampioni spiano quasi di nascosto
neri sono gli animi e i gomiti ai balconi
e gli occhi non ridono, non possono
ché non c'è più nessuno
né una mano alzata, né un sorriso abbozzato, a questo chiar di luna
o i ballatoi, i fiori, le storie di un anziano

si sente solo un televisore che parla, parla, senza padrone
e un cane che gli risponde, e forse è lui che ha ragione.

Nessun commento: