giovedì 30 agosto 2012

ara mamma / a mia madre

 Al mio unico lettore: scrivo ara mamma, con quella erre intervocalica che da una parte è eufonica, dall'altra è indispensabile, nel mio dialetto, per 'posare' la voce; ma non è una cosa così astrusa: posso dire, non perché io lo sappia, ma solo perché lo intuisco, che corrisponde all'esito che ha avuto, nella lingua portoghese, l'equivalente della nostra preposizione articolata 'alla', ma lì han fatto ricorso ad una diversa accentazione. Vabbè, non mi sono spiegato, fa niente. Però questo voglio farti notare: che nel mio dialetto usiamo una particella possessiva enclitica, che produce questi effetti: pàtrima, mio padre, fràtima, mio fratello, sorma, mia sorella...mentre con 'a mamma' tale particula non attacca, non serve: 'a mamma' è 'a mamma', e tale rimane.
La prima strofa significa che le madri sanno ridere, e non dire ciò che dovrebbero, oppure dire che le lacrime son dovute alle dita intrise di peperoncino passate inavvertitamente sugli occhi...ecc. ecc.

tu ridi, e u 'ddici                                          tu ridi, e non dici
o dici                                                          o dici
ca l'occhij vrùscin                                      che gli occhi bruciano
pecchì i jit sù litàt 'e pip                             perché le dita sono unte di pepe

tu u 'rridi, e u 'ddici                                     tu non ridi, e non dici
ca sutta l'occhji si sù chijùsi                       che sotto gli occhi si son chiusi
e ca d'intra tu si tutta                                   e che dentro tu sei tutta
nu tremulizzu e friddu e de tavùtu               un tremolio di freddo e bara

sacciu c'u 'ddorm                                       so che non dormi
e a mana sutt u gangareddu                         e la mano sotto il mento
è misa a mossa ca ti va appagnànnu            è solo un fingere che t'assopisci

e ca mi senti                                                e che mi senti
pur ca nun ci sugnu                                     anche se non ci sono
e cunt' i figghji, tutti                                     e conti i figli, tutti
e cunt' i jurn                                                e conti i giorni
unu ca passa, n'atu c'ammanca.                    uno che passa, un altro che porta via.

Nessun commento: