giovedì 15 ottobre 2015

Lasciarsi cadere il tempo

Lasciarsi cadere il tempo
con malizia dell'attaccante
addosso
doppiando
gli strattoni dei nugoli d'avversari
e sfiorando il suolo sentire
la rarità dell'attimo
ormai prossimo all'impatto
Poi con dolcezza ascendere
e a foglia morta infine
posare
il pallone nel sette
come una antica punizione
sapendo di quel mestiere eterno,
la solitudine del portiere.
14.10.2015

'Punizioni a foglia morta', le calciava, magistralmente, Mariolino Corso: il pallone superava la barriera e poi improvvisamente, come svuotandosi, si posava nel 'sette' (l'incrocio dei pali), alle spalle del portiere, 'incolpevole' fino a quando il cronista non decideva che avrebbe potuto fare di più per non essere trafitto.
Metaforicamente, o forse no, allusivamente.


Nessun commento: