martedì 19 febbraio 2013

m'assètt

e m'assètt, all'urma dì penzèr
m'adduma 'nu jocu
'e pàmpin e de scidd
'nu gir 'e circhji, 'na nuvula a munzèdd
'nu tempu trùvul, m'aspetta
u tron
e l'acqua ca mi 'mpunna
com 'na cosa ca cumìncia
o finìscia, 'nu gghjiòmmir,
c'un zi capìscia, 'na mmulicatìna

sim sul, òmin e fil, com 'e jìna.

e mi siedo, all'ombra dei pensieri
mi accende un gioco
di foglie ed ali
un giro di cerchi, un accumulo di nuvole
un tempo torbido, mi aspetta
il tuono
e l'acqua che mi bagna
come qualcosa che comincia
o finisce, una matassa
un caos che non si discerne

siamo soli, uomini e fili, come d'erba.

Nessun commento: