venerdì 15 febbraio 2013

Guantanamera cirotana.




'E come potevamo noi cantare con il piede straniero sopra il cuore?'
E vabbè, se il piede che insiste sul cuore si fa sempre più straniero, forse sarà il caso di provare a contrastarne la pressione. E poi, dalle mie parti e ai miei tempi, - cioè quelli mitici dell'adolescenza -, storpiare canzoni, sottovoce o a squarciagola, era quasi una abitudine, o un gioco innocente e a buon mercato; non dispero che tuttora lo sia. Probabilmente l'accostamento di un canto cubano e del dialetto cirotano potrà sembrare irrituale o fuori luogo. Può darsi, certo, può darsi... Può darsi che io senta i Sud del mondo in maniera poco condivisibile o inusuale... sed fieri sentio.
 
Jè sugn n’omû sincèrû
‘e dduv crìscia a parma
e voj ca prim ‘e minn jìr
mi nèscia u jiàt d'i franc.

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera.

I paròl mè su' vird e chjiàr
e de ‘nu russ appicciàt.
I paròl mè su' com ‘na cerva ferìta
Ca cerca ripàru aru munt.

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera.

Jè vaj criscènn ‘na rosa, ch’è
Gghjiànca semp,
Ca sìa de vern o estaggiòn:
è a rosa ppè u cumpàrû mèjû sincèrû
ppè’ a mana franca ca duna.

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera.

E aru malîdìtt ca mi scippa
U cor mej ca m’è bita
'Nu card e 'na scrina li stip:
Ca a rosa mea m’a tegn,  
su jur ch‘è a  rosa jànca.

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera.

Pecchì po’ u  sacc c’a pena, a cchjù funna
‘nta tutt i dulùr senza num
È a schiavîtù ‘e l’omîn,
E chissa è d'i pen du munn, a cchjiù ranna!

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera.

Ccù i sbenturàt d’a terra
Mi voj jocàr a vèntura
Ccù i sbenturàt d’a terra
Mî voj jocàr a ventùra
Pecchì a jumàra da serra
A mì cchjîù du mar m’affèrra.

Guantanamera, guajira guantanamera
Guantanamera, guajira guantanamera.

1 commento:

Anonimo ha detto...

questo è molto interessante!
complimenti.

B.J.