mercoledì 20 febbraio 2013

preghiera della sera, di G. Gangale, in cirotano

Questa poesia di Giuseppe Gangale, eminente glottologo calabro-arbereshe, è posta all'ingresso del cimitero di Cirò Marina, il mio paese. A leggerla, quei 'campi' forse non diventano meno 'lugentes', ma accogliendo queste parole, forse visitare i propri cari diventa meno rituale e più profondo. Sono, tra l'altro, le parole di un esule, anzi di un duplice, reiterato esilio.

                                          Preghièra d’a sira.
                  Traduzione di Cataldo Antonio Amoruso.
Signùru me’, Tu u vidi, addùv sugn' arrîvàtu:
A strata era longa
E i porti toj stritti, eccussì com è šcrittu.
Com Tu ha volùtu, m’è ‘mpesàtu d’a casa,
mi sugn fatt a vèrtula, e minn he jiùtu limosinànn.
Com Tun ha volùtu, he passàtu
Muntàgni e gghjumari, he appicciàtu
Guèrri, malîdìttu e bbenîdìttu,
allamànn a verità, he parràtu
a lingua dì forîstèri ‘mmenz ari genti strani.
Jè, 'mmenz i guàli mej, ma forîstèru
Jè, òmînu sulu 'nta tutti si genti.
Jè, viţru ruttu, eppuru špecchjîu
‘e Tìa, ca ’e  ‘nu zzìnzulu faj ‘na bannèra.
E mo’ ca sbèntula, sa bannèra
Sub i muntàgni di tati mej
E u vent frišca ‘nta sira scura,
a Tìa, Signùru, dugnu sa crucia.
Sugn ej chi Ti prega, dopp ca tant n’he vasciàt, 'e bannèri
Ti pregû jè, ca ppè mill’anni
‘un t’avìa pregàtu, mon ca a lìngua
C’un zi sciogghjìa, sicca com chidda ‘e Zagarìa
Si va sciogghjîenn (ppè Ti chjîamàr:
Altìssîmu, Mîsteriùsu, Ineffàbbîlu,
ccur i paròli morti di tataranni,
acquatìna benîdìtta, lîtàta
sub i carti mej dissiccàti).

       PREGHIERA DELLA SERA
di Giuseppe Gangale (Cirò Marina, 1898 – Muralto, 1978)

Signore, Tu vedi dove io sono giunto:
la strada era lunga
e le tue porte strette, così com’è scritto.
Come tu hai voluto, ho lasciato la casa,
ho preso il fagotto e mi son fatto mendicante.
Come tu hai voluto, ho varcato
montagne e fiumi, ho acceso
guerre, maledetto e benedetto,
assetato di verità, ho parlato
lingue straniere assieme a gente straniera.
Io forestiero tra la mia gente,
io uomo solo tra tanta gente.
Io vetro rotto, eppure specchio
di Te, che trasformi in vessillo un cencio.
Ora ch’è issato questo vessillo
sopra le cime dei monti sui quali
ripararono i miei antenati
e fischia il vento della mia sera,
a Te, Signore, affido il vessillo.
Ti prego io che tante bandiere ho abbassato,
Ti prego io che per anni senza numero
più non ho potuto pregare.
Vedi: la lingua che non si scioglieva,
come quella di Zaccaria senza fiducia,
si scioglie (per chiamarti: o altissimo
o misterioso, o ineffabile,
con le parole morte degli avi,
rugiada benedetta, aspersa
sulle mie aride carte).


Nessun commento: