sabato 11 aprile 2015

ci sono vuoti che riempiono

ci sono vuoti che riempiono
e disperate attese
quando sento svanire le parole
striandosi pareti verso il fondo
sperduto e grave
di pozzo avido di fine

sono radici tormentose
alte nella sera
e si continuano
in stoloni  incontrollati
i margini irrigiditi dei silenzi

sono di là
le isole di cielo
e graffiano con fili
acidi enfie le piogge
oggi non aprono porte i sorrisi
e vanno con le code sottobraccio
uomini
nuvole
cani
solo il vuoto di oggi non ha attese
o segni, radi,  che lo mutino.

Nessun commento: