mercoledì 22 aprile 2015

U maru mpannu.

U maru mpannu.
S’è fatt mpannu u maru
Du caminàre i pedi
Subba a tanta morta

S’accàla l’anima
A šcalijàre nta si sacchi du maru
E si pripàra, l’òcchju
A nu temp’ e dišperàre
A nu sulu ca avìssa de corijàre
E mmece nceca
Fin aru coru a tanta genta
Ca si dìcini cristiàni
Ma s’ammùccini
Afferricàti aru salatu
Cchjù di cani.

A terra nosta, su pianetu
Sa sta mpesann’ u maru appennìnu
E duve na vota l’ànima lucìa di gènti strani
Sulu timpèsta va siminànnu u ventu.

Fora da via, a filèra
Si mmìjnu si šcuntènti
E ogne e òcchju si sbacànta
Ogne e ànima si šculuriscia
Ca troppu fortu pper i pòviri è chissu sulu
E a galla sàgghja ar’ammalappèna
Ncun’ata màcchia
E nìvuri nìvura ‘e tanta pena.


Si è fatto basso il fondale
Dal camminare i piedi
Sopra a tanta morte.
L’anima si abbassa
A ricercare nelle tasche del mare
Mentre si prepara, l’occhio
A un tempo di disperare
A un sole che dovrebbe scaldare
E invece acceca
Fino al cuore tanta gente
Che si spacciano per cristiani
E si nascondono stretti agli interessi
Peggio dei cani.

La nostra terra, questo pianeta
La sta portando via il mare
E dove un tempo luceva l’anima di genti straniere
Solo tempesta oggi va seminando il vento.

Lontani dalle strade, come a filari
Si avviano questi disgraziati
E ogni sguardo si svuota
Ogni anima scolora
Ché troppo forte è per i poveri anche il sole
E a galla non risale a malapena
Che qualche altra macchia

Di negri, nera di tanta pena.

Nessun commento: