martedì 21 aprile 2015

si figghj 'e mamma mpunn u maru

si figghj 'e mamma mpunn u maru
mi vrigògnu pur a tu dire, ohi ma'
a tì ca mo' tuttu vidi e tuttu po' sapìre
chisà com ti senti merànn a si quatràri
ccu l'occhj mpinti ari funni du maru
si si potìssa sciuddàre sa nnaca chjìna
'e morta ca subb u giùvinu si cumpòrta
com s'a carne 'e si cristiàni
fossa rigàlata pèju ca chidda di cani
mi vrigògnu, ma', mi vrigògnu com nu latru
'e su maru c'un si po' acquètare
e cittu cittu vena
speranzùsu 'e spùnnire
all'urmu si criatùri 'e du culùru malidìttu
si pòviri figghj
s'occhj citti
si mani senza nenti
si facci semp' affrìtti
mi vrigògnu, ma'
mi vrigògn 'e sa marètta
ca s'ùnchja e abbùffa,
naca scuntènta 'e tanta morta ca ni fa tavùtu.

questi figli di mamma in fondo al mare
mi vergogno anche a dirtelo, ma'
a te che ora tutto vedi e tutto puoi sapere
chissà come ti senti scrutando questi bimbi
con gli occhi incollati al fondo del mare
se si potesse stappare questa culla piena
di morte che addosso ai giovani si comporta
come se la carne di queste persone
non avesse un prezzo, nemmeno fossero dei cani
mi vergogno, ma', mi vergogno come un ladro
per questo mare che non trova pace
e zitto zitto viene
con la speranza di posare
sulla battigia questi bimbi dal colore maledetto
questi poveri figli
questi occhi zitti
queste mani senza niente
questi volti sempre afflitti
mi vergogno, ma'
mi vergogno di questa breve onda
che si gonfia e sbuffa,
culla dolente di tanta morte che la (ci) rende bara.

Nessun commento: