martedì 19 marzo 2013

Esercizio dialettale.

quannu si rumpa u coru dì nnammuràti
u rèstin ca filazzòli spaturnàti
i petri petri trìchin sul paroli
ma un fan cimèntu
ch'i vasi, i muzzicùni
i carni muzzulàti si l'ha mpesàti u ventu
ccu l'animi ntà bùggia, riddùtt a pizzulùni.

quando si rompe il cuore degli innamorati
non restano che sfilacci senza padrone
tra pietra e pietra si attardano solo parole
che più non si cementano
poi che i baci, i morsi
le carni frementi se li è portati il vento
con le anime nella tasca, ridotte a un pizzicotto.

In dialetto rima, non me ne ero reso conto...AA BC DCD. 

1 commento:

catàur ha detto...

quella parola 'pizzicotto' è letterale, ma non c'entra molto...