lunedì 11 marzo 2013

Sao ko kelle terre...

E allùra papà è sagghjùtu subba na cerza e ha fattu l'arrùcculu ari lupi, a Santu Jennàru. Tutti i lupi sun arrancàti, e papà e zzu Turuzzu si sù misi a ciànciri e a si disperàre. Santa Domìnica, ca si trovàva a passàr, ha ditt ari lupi: scavàti a cerza e facitili tummàre. Ma papà e zzu Turùzzu cchjù fort si sù mis a ciàncir e suppricàre. Santa Domìnica, allùra, ha ditt ari lupi dì lassare stare, e papà e u frati dopp 'e tannu, l'arrùcculu u'll'han cchjù volutu fare. Sulu Giulia canàtima è gghjùta ancòra a Santu Jennàru, a guvernàre a ciuccia, ma po' ha cessàtu, dopp ca na matìna ari quattru avìa sentutu u lupu e sinn'era abissàta d'a paura.

E allora mio padre è salito su una quercia e ha fatto il verso ai lupi, a S. Gennaro. Tutti i lupi sono accorsi, e papà e zio Salvatore si sono messi a piangere e a disperare. Santa Domenica, che si trovava a passare, ha detto ai lupi di scalzare le radici della quercia per farli cadere giù. Ma papà e zio Salvatore più forte si sono messi a piangere e supplicare. Santa Domenica, allora, ha detto ai lupi di lasciarli stare, e papà e suo fratello, da allora, non hanno più voluto fare il verso ai lupi. Solo Giulia mia cognata è andata ancora a S. Gennaro, ad accudire l'asina, ma poi ha smesso, dopo che una mattina alle quattro aveva udito il lupo ed era scappata via impaurita.

Sono passati quasi cinquant'anni, e mia madre mi ripete la storia, la sua storia, esattamente come la prima volta: e da ciò capisco che è tutto vero.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Un racconto, breve come l'attimo del risveglio dal sogno, che diventa vero per essere stato perpetrato nel tempo senza-mai-cambiare, da una voce che è già verità in sè, qualla di una madre. Assume così i contorni di un pezzetto di cuore, un frammento di non-tempo che è già memoria. Davvero interessante.

BJ