venerdì 30 gennaio 2015

Nìvica d'e notta

Nìvica d'e notta
e i guagnuni dòrminu
a matina si jàzinu a buccaperta
e tutti, tutti han l'occhj virdi
d'i gatti, e com i gatti si strìchinu
a cuda d'int'a niva
e sutta 'a niva, l'erva nìvura ammutàta
ci volìssa nu jìtu 'e vinucottu
ppe' cci dire, chissa unn'è nent
è sul u mustu
ma gelàtu
e strincia u coru
com u jàcciu
d'a scirubbetta quannu sinni scinna
com sa niva senza pressa
queta, queta
ca para ca 'nta l'anima s'accàla...
  • Nevica di notte/ e i ragazzi dormono/ si sveglieranno al mattino a bocca aperta/ e tutti, tutti avranno gli occhi verdi dei gatti/ e come i gatti si strusceranno/ la coda nella neve/ e sotto la neve, l'erba nera ammutolita. Ci vorrebbe un dito di vino cotto/ per spiegare a loro che non è nulla/ è solo il mosto/ ma gelato/ e stringe il cuore/ come fa il ghiaccio/ della ''scirubetta'' quando scende dentro/ come questa neve senza fretta/ lenta lenta/ che sembra che dell'anima si serva... (''accalare'' non è facile da tradurre). 

Nessun commento: