venerdì 22 agosto 2014

E ti cuvèru ccù i sciddi, E ti copro con le ali (sèguito del post precedente)

E ti cuvèru ccù i sciddi
Ca mi vanu criscènnu
Sulu quantu ti penzu
Ntà su tempu d’amure
Ca ccù l’ugni ti tegnu
Ari špunni du lettu
E ti ţrasu nta l’occhj
Com fa u sonnu dinţr’a notta
A tì ca mi chjùdi, nti labbri toj, stritti
Lassànnimi i signi
Du coru tòju ‘mpettu
Ccù occhj ca mi ţrapàssinu
Tra u coddu e i špaddi
Com na carìzza  du tempu e d'a beddìzza

Ti tegnu 'mparm 'e manu
Com nu špìnziru ca criscia
E nun zi ferma mai
E t’amu
Com sul l’omini àmanu
Ppe’ nent e ppe’ nuddu
Com fa a ràggia quann unn abbàstar a raggiùna
E li si šperza  u senzu
Pecchì u’ mmi ten ara banna ppe’ davèru
Ma sul ammucciatu dintr’u coru
E chissu ti dicu tristu
ppe' com l'amuru si cunnànna all'ammalèru
iddu, ch'e tutt i cosi è a cchjù vera.

E ti copro con le ali
Che mi vanno crescendo
Al solo pensarti
In questo tempo d’amore (*)
Che con le unghie ti trattengo
Tra le sponde del letto
E ti entro negli occhi
Come fa il sogno dentro la notte
A te che mi chiudi, tra le tue labbra, strette
Lasciandomi i segni
Del tuo cuore sul petto
Con occhi che mi trapassano
tra le spalle e il collo
come una carezza del tempo e di bellezze

Ti tengo in palmo di mano
Come uno scricciolo che cresce
E mai smette
E t’amo
Come solo gli uomini amano
Per nulla e per nessuno
Come fa la rabbia quando non basta la ragione
E si sconvolge il senso
Perché non mi hai accanto interamente
Ma solo nascosto dentro il cuore
E questo te lo dico triste
per come l'amore si condanna ad essere sprecato
lui, che di tutte le cose è la più vera.





Nessun commento: