venerdì 22 agosto 2014

venìssar a gulìja, verrebbe la voglia

venìssar a gulìja
'e s'inni jìre com na rìnnina o nu gabbiànu
spijànnu u maru maru
e po' si ricògghjre 'nta na casa àvuta
e si sciùnnire i pinni
subba nu lettu friscu 'e lenzoli mprofficàti
ccù gghjùri e pàmpini a manu disegnàti
come si fossa tuttu du tòju, nu sulu ricàmu
e ci lassàri l'ànima
'ntu coru to' paràtu a festa
s'abbannunàre, 'nzeme
ar i jìti ca arrètu ara gulìja 'e tìja
pure ridènnu, sulu nti labbri toj pìjinu riggèttu...
verrebbe la voglia
di andarsene come fanno
la rondine o il gabbiano
a curiosare sopra mare
e tornarsene ad un casa in alto
e togliersi (*) le ali
su un letto fresco di lenzuola ben tirate
a fiori e foglie disegnati
dalle tue mani
come se fosse tutto di te, un unico ricamo
e poi lasciarci l'anima
nel cuore tuo parato a festa
abbandonarsi, insieme
al moto delle dita che desiderose di te
anche ridendo, solo sulle tue labbra
trovano la quiete...

Nessun commento: