sabato 9 agosto 2014

I mani d’i mammi, le mani delle madri

I mani d’a mamma
Sun i mani c’un po’ pijàr squali
Sun i man ca ppe’ tanta pacenza un tèninu i guàli
Sun i mani c’asciucàvin i chjànti ‘e tutti quanti
E sun u puzzu ‘e tutti i mali ammucciàtu ntu sinàlu
Mo’ sun i mani appennulàti a i vrazzi
D’i toj,  abbannunàti longa longa
C’un zèrvinu chjù a mmuttàre a carrijàre a far sàrcine, ad apparàre
Oj ch’i mani di toj i va asciucànn u ventu
E n’un rimànin ca l’occhj, ma affucatìzzi
A šcaternàre nta l’occhjàli
Come si si fossa perza, a lùcia, e a ni guardàre
Un fòssin ch’i pinnulàri

U sàcciu ca mi canùsci a malappèna
E ca ti sbrìttinu i paròli
U sàcciu c’un parri
Pecchì i numi d’i nipùti si su’ fatti strani
Ma ppe’ tìa pàrrinu
L’òcchj citti e i mani
E u chjàntu senza làcrimi c’un t’acquèta
De su muru, nìvuru
com n'umbrìa nta casa
ca ti camìna d'arrètu.

Le mani della madre
Sono le mani sulle quali non ti puoi sbagliare
Sono le mani che per tanta pazienza non hanno uguale
Sono le mani che asciugavano il pianto di tutti
E sono il pozzo di tutti i mali nascosti sotto il grembiule
Ora sono le mani appese alle braccia
Tue, distesa lunga lunga e abbandonate
Ché non servono più a spingere, a trasportare, a fare fascine, a metter pace
Oggi che le tue mani le va asciugando il vento
E non rimangono che gli occhi, ma senza respiro
A ricercare nelle lenti
Come se si fosse persa, la luce, e a guardarci
Non fossero che le ciglia

Lo so che mi riconosci a mala pena
E che le parole ti sgusciano via
Lo so che non parli
Perché i nomi dei nipoti son diventati strani
Ma per te parlano
Gli occhi silenziosi e le mani
E il pianto senza lacrime che non ti acquieta
Per questo muro, nero
come un'ombra per casa
che ti cammina dietro.






Nessun commento: