mercoledì 10 luglio 2013

bella la tua voce

bella la tua voce,
sa d'amori

mi ci perdo,
la ridisegno
intreccio esili fili:
ne ricordo
ne riconosco

a volte,
ne distinguo appena

le tue voci sono bianche
ed eleganti
a volte austere
come gli stemmi dei nobili
altre,
risalgono
con fare di sirena
ammaliano
come la sera
quando appena
il rosso s'attenua
e il nero
gioca a confondere i contorni

in quell'ora
la tua voce è più rara
si frammenta
si confonde
è scaglie di salmastro
è vento
è dentro

come un sussurro ritrovato
la tua voce a pelle
s'inabissa
nei corpi, i nostri,
s'inargenta.

M. L. A.

Nessun commento: