lunedì 17 novembre 2014

Annottano i pensieri

Annottano i pensieri
Ed è l'ora in cui nessuna direzione
Ammette cambi
Come un filo si riavvolge, alla pelle
Il consuntivo delle ore andate

Sei già preziosa, perseveranza al nuovo giorno
Prima che s'occluda,
Nell'eleganza subdola della sera
Un altro giorno di sogni gravi di distanza.


Anche i treni di ieri si sono dissolti
come un'attesa priva ormai di tanto peso
e seguitiamo, per un binario che diventa appiglio
e scusante di deliri rimandati.

Che vi sia vita, in tanta proroga
in tanta indecisione, o solo ansia
e abbandono di destinazioni
si posano comunque, domande 
e affini, quasi rimandi, le rinunce quotidiane.

Nessun commento: