lunedì 10 novembre 2014

Duro nel mio dialetto, di terra...

1
Duro nel mio dialetto, di terra...
Nel mio dialetto di terra, duro...
Piace, non piace...
sim nati ntu jerzu
com penzca fa sul a gramigna
ca si perda nti serchji
e un sinni ncàrrica da raggia e l'acqua
né di tifùnu ca a suvèrchjn
u penzèr 'e tìa, tant voti
è a quann a quann
com nu fil 'e jìna
ca si chjìca ma un s'abbannùna
e ti cerca ccu tuttu i senzi
e u coru c'u mmora
mancu si s'innabbissa
ntu funnu nìvuru di carafùni
pecchì u cor un senta raggiùna
e com a festuca, miserabbila
citta, citta, risagghja...
siamo nati nei terreni abbandonati
come forse solo sa fare la gramigna
che si perde nelle fenditure
e non dà peso alla furia delle acque
né alle zolle che la soverchiano
il pensiero di te, a volte
è, a fatica
come un filo d'erba
che si piega ma non cede all'abbandono
e ti cerca con ogni senso
e con il cuore che non muore
neanche se è costretto a sprofondare
sul fondo nero dei calanchi
perché il cuore non sente ragioni
e come la fastuca, misera
silenzioso, risale....
sim nati è omofono: significa siamo nati, ma anche seminati, che è l'opposto di jerzu: inutili, indegni giochi di parole senza senso, fuori luogo... e allora come può stare qualcosa di 'lavorato' (sinonimo di 'seminato'), di fine, in qualcosa di non coltivato, di incolto, di lasciato all'abbandono? Con dolore....
2
e si m'assettu
e nta vucca u' strìnciu
atu ca nu fil 'e èriva
ccu nu juru 'n punta
m'addimmannu a cchi penzu
a chin, e mazzicannu l'amaru
ca s'ammuccia nti paroli
mi dicu ca campari
è nu puzzu 'e doluri senza fina
ma ccu tanti circhji 'e cuntentizza
ca u tenin junciutu
sutt aru catu appennulatu
adduv a luna mi spìja all'ammucciunu...
e se siedo
e in bocca non serro
altro che un filo d'erba
con un fiore in punta
mi domando a cosa penso
a chi, e masticando l'amaro
nascosto tra le parole
mi dico che vivere
è un pozzo di dolore senza fine
ma con tanti cerchi di gioia
a tenerlo insieme
sotto il secchio che penzola
dove la luna di nascosto mi spia occhieggiando...
3
e tu, com nu filu ca m'avasta
tu vicina, d'a stessa terra
crisciuta e fatta troppa
arricchisciuta 'e cimi ca lìnchj l'aria
e mi sì respiru
tu, c'atu dire un sacciu
o un pozzu
tu ca sì com u ventu
fujennu sutt i porti
com na lucia
o na mana c'ajuncia ad ogni parta
e ni fà ròitu, sicuru
e tana d'amur
e de l'amure, jocu...
e tu, come lo stelo che mi basta
tu vicina, della stessa terra
cresciuta e diventata pianta
arricchendoti di rami, tu che riempi l'aria
e mi sei respiro
tu, che altro dire non so
o non posso
tu che sei come il vento
che sguscia dalle porte
come una luce
o una mano che arriva in ogni dove
e ne fa luogo abituale, sicuro
e tana d'amore
e d'amore, gioco...

Nessun commento: