martedì 25 novembre 2014

mi vena de tu dire, su benu

mi vena de tu dire, su benu
ca cert voti para c'un zi cumporta
iddu vena, su benu, e s'apprisenta
com na gulìja ca lassa u signu
com na macchja sub a pedda
ca a mi guardari i mani
mi penz ca si ti toccu
ti culura sa tentaziona
e t'abbrazzare com fa u cielu
quannu s'appiccia de tantu sulu

ma tu mi ncanti e citta
com e ttìja mi staju
e ti vasannu nta nu pizz
a risu minni vaju

mi viene da dirtelo, questo bene
che a volte sembra non si sopporti
viene, questo bene, e si presenta
come una voglia che lascia il segno
come una macchia sulla pelle
che a guardarmi le mani
credo che se ti tocco
ti imprimo la tentazione
di abbracciarti come fa il cielo
quando si accende di tanto sole

ma tu mi incanti, tacendo
e come te rimango
poi, baciandoti nell'angolo
di un sorriso me ne vado.

Nessun commento: