domenica 2 novembre 2014

M. E. L.: Cercando i perché

Cercando i perché
Nei cambi di una città
Di una banchina parallela
Agli occhi e al desiderio di fermata
Alla sosta a spegnersi
Nello stridio del freno

Quale aria diversa…
Un al di qua di finestrino a scacchi
E tu, dalla parte del sole
Con occhi che dicono,
Semplicemente, ‘eccoti’
Il resto è storia
Meravigliosamente ordinaria
Come le sconosciute e nostre
Nel pugno di un segreto

Nei chissà, forse, cominceranno,
lenti, gli anniversari
E i commenti, muschiosi di rimpianto

Te quiero,
Por un tren sin llamadas
E tu
Con i tuoi occhi di salmastro
In poesia d’attesa
Nobile di pazienza
Tra banchine e bitte
Di un cielo su mare, nostro
Rincorso tra i binari.




Nessun commento: