sabato 22 novembre 2014

I mani stamatìna si jùncinu

I mani stamatìna si jùncinu
A sipàla, c'un zi vìdinu l'òcchji
Litàti 'e d'acquatìna
U benu vìncia semp subb'a ràggia
E basta c'aspèttu com sàcciu
I jìti tòj a si mpilàre nti mèj
E s'appicciàre come sper 'e sul cadènnu
Nti parmi apèrti, di mej, ca cchjù nun zèrvinu
Ar'ammucciàre ccù a scarda d'a vrigògna
'e l'òcchj vasciàti u funnu 'e l'acquatìna.


Le mani, stamattina, si giungono
a siepe, ché non s'intravvedano gli occhi
velati di rugiada
L'amore vince sempre sulla rabbia
e basterà aspettare come so
le tue dita intrecciarsi tra le mie
e accendersi come spere di sole cadendo
sulle palme aperte, le mie, che più non servono
a nascondere con la scusa della vergogna
il fondo di rugiada degli occhi chini.

Nessun commento: