venerdì 29 giugno 2012

lui la tocca nelle radici

lui la tocca nelle radici
e più alto è il movimento
nei rami
lei si piega
nella tenerezza del giunco
e la delizia è verde
sale senza tregua
la piena delle tempie
e a martello sconfigge
argini e dita

in silenzio riprendono
linea i corpi,
si fa cedua l'ombra foresta
che li sconvolgeva
lui la accarezza e nel muschio
lei ancora lo avvince.

Nessun commento: