giovedì 21 giugno 2012

para nent

para nent
pàrin i man 'nta sacca
c'un pàrrinu, vacanti
ma c'è passat u tempu
e chiss è u signu
c'un passa jurn senza
c'un scùrrinu 'nti jiti i petr amari du rosàru

tu ancòr' u và dicenn
e a vucca 'unn u sa cchjù
si rìdir
o mumuliàr, queta
nta lingua d'i santi ca volìssin jestimàre.

sembra nulla
sembrano le mani in tasca
non parlare, vuote
ma c'è passato il tempo
e questo è il segno
che non passa giorno senza
che scorrano per le dita i grani amari del rosario

tu ancora lo vai ripetendo
e la bocca non lo sa più
se ridere
o mormorare, quieta
nelle parole dei santi che vorrebbero imprecare.

Nessun commento: