domenica 21 ottobre 2012

Ah, coru chjagat (abbozzo)

Ah, coru chjagàt, c'u mmal ca pè ti ciàncir
l'oss* e i jurn,
cor ca vatt nti tremp com na cunnànna
sira ca si sagghjùta all'occhj
com acqua 'nta na roggia
com nu ronzu mutu ch'è scurrùt
e m'ha lassàt sul vroch
'e ghjòmmir sciunnùt, nu filu
long, long e nìvuru, fuijùt...

Ah, coru chjagàt, ca rid e ciànc
e un zi capìscia
si chjòva
o scampa*.

Ah, cuore piagato, che non servi che a piangerti
le ossa e i giorni
cuore che batti nelle tempie come una condanna
sera che mi sei salita agli occhi
come acqua in una pozza
come un rigagnolo muto ch'e trascorso
e mi hai lasciato solo anse
di gomitolo svolto, un filo
lungo, lungo e nero, sfuggito...

Ah, cuore piagato, che ridi e piangi
e non si capisce
se piove
o smette.

* 'Ciàncir (si) l'oss' è patetico, tradotto in italiano, ma è espressione normalissima di un pianto profondo e complessivo; non esente, in verità, da un pizzico di condanna: dipende dal contesto, come un tempo si usava dire.
* 'Scampàr' è, propriamente, 'spiovere'.

Nessun commento: