lunedì 22 ottobre 2012

tu tuppìj (appunto da scartare); con audio


tu tuppìj, a chiss'ura d'a notta                                 
e mi chjam cor, coru chjagàt
o mi scigh, com 'na carta,
tu c'un saj si scampa, o chjova

tu ca riminji 'nta sacca 'na curpa amara
'e lantru mazzicàt
tu ca dici e ca 'mpar ai figghj tò ccù l'occhj stritt
tu c'un za campàr ...

ti rispunn e sugn
ji,  u coru  toj ca vatta
e sonna sutta l'occhj
je sugn
a mana c'accarizza
e asciuca l'occhj, i parm
lassàt vacànt o senza funn
si lacrim sù acquatina e pàrin carìzz
e 'mmec
'mmec sù nu puzz senza luna..


tu tocchi, a quest'ora di notte
e mi chiami cuore, cuore piagato
e mi strappi, come una carta,
tu che non sai se piove o è secco

tu che rivolti nella tasca una colpa amara
come di oleandro masticato
tu che dici e che insegni ai figli ad occhi stretti
tu che non sai vivere...

ti rispondo e sono
io, il tuo cuore che batte
e sogna sotto le palpebre
io sono
la mano che carezza
e asciuga gli occhi, le palme
lasciate vuote o senza fondo
se le lacrime sono rugiada e sembrano carezze
e invece
invece sono un pozzo senza luna.

Nessun commento: