domenica 7 ottobre 2012

Bella Muro.

notte di bella, muro
di pianto agli occhi, cento porte
e un viso nel viso
le mani strette nelle mani
e la lucania urla
il nome del padre s'apre nell'aria
come un solco, di coltro a fondo

le due donne svaniscono e il grano
stormisce, nero di locomotiva
la stazione è un punto
lo doppia, unico
un binario che non sconta
come un pensiero
fisso

un rumore di scambi, una scossa
sono terre di passo
nelle mie terre antiche ho perso
i templi e i tufi che incidevo a dita

non rimane che cemento sulle rive
armato, attento.

E' un ricordo che non mi ha mai abbandonato, l'urlo straziante e straziato di due donne che scesero dal treno nella stazione di Bella-Muro, in Lucania, una notte di non so quanti anni -decenni- fa. Ci sono morti che non finiscono mai, nelle case come nei ricordi che ne sono in parte la rappresentazione.
'Cento porte' sono le carrozze sulle quali abbiamo viaggiato in tanti; il coltro è una specie di coltello che si trova tra il vomere e l'animale che trascina l'aratro.

Nessun commento: