lunedì 22 ottobre 2012

tu eri, adduv eri... (con audio)

Tu eri, adduv eri...                                                             
a pigna, 'nta chir 'e Naty
i cim spunnùt, i man scoràt
morta 'nterra, nu gigant ammutàt

tu er, adduv er...

Mi dàvin foch, stanott
arret u mur, appicciàt
dduv vrusciàvin i parol di 'nnammuràt
cada, un cada...
nu rimmagg
'e siren, luc addumàt, gridàt

u dolor s'è mmiscàt ccù l'occhj da  mala gent
mi guardavin calar
com lign 'e tavut, ma viv, 'nta sa fossa
l'òmin ca dìcin ca tutt passa
ma unn è daver
'e mi sul u ricord resta, fin ca pozz
abbrazzar l'ach mej, a faccia 'nterra

ca già, prim e mì ci sù passat i sor mej
chira 'e Sabatìn, e l'atra du casell
sutterrat sutt i  salùt e i cartolìn...

Tu eri, dov'eri...
la pigna, in 'quel di Naty'
cime posate, mani bruciate
morta a terra, gigante muto

tu eri, dov'eri...

Mi davano fuoco, stanotte
dietro il muro, acceso
dove bruciavano le parole degli innamorati
cade, non cade...
un tramestio
di sirene, luci accese, urla

il dolore frammisto agli sguardi della cattiva gente
mi guardavano calare
come legno di bara, ma viva, in questo avello
gli uomini che dicono che tutto passa
ma non è vero
di me solo il ricordo resta, fin che posso
stringere i miei aghi, a faccia in terra

che già, prima di me le mie sorelle lo han sofferto
quella di Sabatini, e l'altra del casello
sotterrate sotto saluti e cartoline...

Di questa estate che mi sono fermato a soffrire la vista di una pigna gigantesca, bruciata e abbattuta -violentata a morte- all'interno del bellissimo e diroccato 'Casino dei Naty'- pronuncia 'Natì, antica famiglia del mio paese, come i Sabatini, il cui nome è legato inscindibilmente al 'Castello Carafa', ovvero 'Castello Sabatini'; al casello nel cui cortile crebbero due pigne meravigliose dovrebbe essere legato il nome della mia famiglia. Senonché tutto passa, come dicono gli uomini, o le pigne violate.



Nessun commento: