lunedì 1 ottobre 2012

foglie

sulle sue labbra
mi doppia
il segno del respiro

è un gioco di bambino
tenermi tra le dita

pure è costrizione
al sibilo, al piacere, al lamento
questa ricerca del mio suono
stridente

non lasciare che cada, dalle labbra
non ancora
anche noi siamo, esitanti
creature d'acqua e verde

pure, poserò dove il vento
o l'aria vorranno
lontano dai miei rami
dai fiumi che ti dico
guarda
dall'altra parte del mondo non si vede
da una sponda all'altra
e forse solo gli occhi o le mani
si sanno
dove finisce la corrente
e ricomincia
lento
il rigore della terra, e le ripe.

Di un infantile gioco, di tenere tra le dita una fogliolina e capirne, quasi suggendoli, dei suoni.
Qualche volta arriva un benevolo commento: ve ne ringrazio e spero non vi dispiaccia se li tengo per me.
Cat.



Nessun commento: