mercoledì 12 giugno 2013

84 anni, la corda/ a corda

sabato, 24 luglio 2010
La rimetto qui, per te che ora sei a letto, e non so quanta fatica occorre per mettere a letto 84 anni vissuti qui e così, e quanto costa tirarli giù dal letto, ogni mattina, quegli anni su quelle gambe che ormai tremano; la rimetto qui per tutte le volte che la stoltezza del momento avrebbe voluto avere ragione delle tue richieste inespresse. La metto qui per il tuo scialle blu di più di quarant'anni fa, quando più che il freddo mi gelava la paura.
a vesta nìvura e u sinàlu
tisa com s'ancòra iddu ti chiamàssa
per ogne bisognu

stasira cu cielu mi para chjù rannu
o purament mi parra
chjù 'e tann
quann' a luna mi špiava di pàmpini du grasòmulu

doppu ca tuttu avìjnu tagghjàtu, o quasi
e ni rimana sulu na cosa,
para na corda tisa
ma 'un sagghjia, né scinna
e na corda un fà na šcala

mò si vìdin i parm d'a staziòna
abbannunati
tutt' abbannunati
ca un zi càccin bigghjetti e chiù nessunu parta
un c'è nessuna arta 'e su jìr e benìr
rimànin sul grasomul 'nterra
du peru tagghjiatu
fràdici
ca mancu i furmiculi si c'accùcchjn

un c'è rimast nent
'ncun rumùru
'ncun canu
'ncuna gatta cu a cura tagghijàta
e lucèrtul, turturèdd, cicàl

minn volìssa ghjìr
...ma c'è chira cosa
para na corda ca mi tena
o penzca è na šcala
e ci si tu ca a teni
ccù i spadd au muru
nìvura e tisa, cur u luttu 'ncodd, e u sinàlu
e c'è papà c'ancora addimmùra a ni lassàr
sul ca mò, a casa sò è ntu palummàru.


La veste nera e il grembiule
tesa come se ancora lui ti potesse chiamare
per ogni motivo

questa sera che il cielo mi sembra più grande
e pure che mi parli
più di allora, quando la luna mi spiava dalle foglie dell'albicocco

dopo che tutto avevano tagliato o quasi
e ne rimane solo una cosa,
sembra una corda tesa
ma non sale né scende
e una corda non è una scala

ora si vedono le palme della stazione
abbandonate
tutto abbandonato
non si staccano più biglietti e più nessuno parte
non c'è nessuna arte in questo andare e venire
rimangono solo albicocche a terra
dell'albero tagliato
così marce che neanche le formiche si avvicinano

non c'è rimasto nulla
qualche rumore
qualche cane
qualche gatto dalla coda tagliata
e lucertole, tortorelle, cicale

vorrei andarmene
...ma c'è quella cosa
sembra una corda che mi trattiene
o forse è una scala
e poi ci sei tu che la sostieni
con le spalle al muro
nera e pronta con il lutto addosso, e il grembiule
e c'è papà che non si decide a lasciarci
solo che ora, la casa sua è nel camposanto.


2 commenti:

catàur ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
catàur ha detto...

Il soggetto sottinteso, ma non più di tanto, della prima strofa, quel chiamante, è lui, mio padre, 'iddu'.