lunedì 17 giugno 2013

Assettàt 'mmenz a strata / Seduti per strada..... (Ntonetta / Antonietta)

sabato, 19 febbraio 2011
Premessa breve breve...si tratta di una sorta di sedimento, un ricordo di quando ero poco più che bambino; il tutto è un po' sfocato, mi riappare a tratti, forse sono i primi turbamenti della adolescenza, vai a sapere...e la persona di cui parlo... boh! vera lo sarà stata - e lo sarà ancora – senz'altro... Di quelle case basse mi colpivano sempre i fili della luce che non sapevo mai se cercavano di salire verso il soffitto o se ne venivano giù, con quella lampadina appesa, costretta a volte a un dondolio da impiccato... Quel filo - la piattina! - era avvolto in carta - velina, di giornale, da zucchero, da sarta - che le mosche prendevano d'assalto...
Noi guardavamo, tutti, e non perdevamo una sola immagine, forse convinti che la vista fosse il bene più grande... Vedevamo tutto, anche quando dovevamo voltarci di spalle. E non basta una vita per dimenticare, né per ricordare.
E' notte fonda, la vista e la sintassi mi tradiscono, non vorrei sembrare patetico... Cià!!!


assettàt 'mmenz a strata,
u riggipètt 'e 'Ntonetta
chidda di minni rossi
è spannùt' aru ferrufulàtu
sutt u mur da ferruvìa
duj vìpiri para ca liticàn
invèc si vàsin
com i cristiàn, quas quasi
ca para ca s'ammàzzin
e 'mmeci, si strìncin,
cchiù o men,
ma semp aru cannaròzzu

'a cimentàta vudda sutt' i pedi
'nta finèsta nèscia 'Ntonètta
abbampàta

penzca mò cògghjia u riggipèttu
ma aspètta, aspètta... ppè piacìr!

i mani, l'òcchji
u' ppìjn rigèttu
'nu fil 'e vava
paròli muzzicàti
i jinòcchj ca s'ammùscin...

e 'Ntonètta ca chiùda a finèsta,
u zzitu s'appìccia 'na sicarètta
è beddu cuntentu, u capìddu alliffàtu
- 'e sicùr un za spusa:
'nta casa di pòvir
sul i muschi unn arròbbin
sinn stan muti,
su' punti nìvuri sub u filu da lùcia

'Ntonètta, citta citta l'astùta
po' a gùccia a gùccia sinni scinna
sub a cannila sulu, longu longu
u chjiàntu.


seduti in mezzo alla strada,
il reggiseno di Antonietta
quella dai seni grossi
è steso al fil di ferro
sotto il muro della ferrovia
due serpi sembra che litighino
invece si baciano
come le persone, quasi quasi
che sembra che si ammazzino
invece si stringono
più o meno
ma sempre alla gola

il cemento bolle sotto i piedi
nella finestra appare Antonietta

avvampata

forse ora ritira il reggiseno,
ma aspetta, aspetta... per piacere!

le mani, gli occhi
non trovano pace
un filo di saliva
parole morse
e le ginocchia che non reggono

Antonietta che chiude la finestra
il fidanzato si accende una sigaretta
è tutto contento e dai capelli curati
di sicuro non la sposa:
- nella casa dei poveri
solo le mosche non rubano
stanno mute
sono punti neri sul filo della luce

Antonietta in silenzio la spegne
poi, a goccia a goccia se ne scende
sulla candela solo, interminabile
il pianto.

1 commento:

albafucens ha detto...

che dire... bello immergersi in questi ricordi, atmosfere, sono parole che si trasformano in altrettante intense immagini, è un emozionante, intenso ritratto di vita