giovedì 22 maggio 2014

Fondi di mare e miti

Fondi di mare e miti
mani a risalire
a filo delle tue labbra di musiche sapienti e antiche

un rifugio di sale mi attira
un verde diafano di bottiglie
sospende un tempo
meraviglioso di marine
e orizzontale di silenzi

si stratifica in ricordi
e lentezze di sussurri
un vento di parole
e superfici
insonni di spinte
e brezze deste al tuo respiro

ti vivo dentro
nella mia tana d'abissi stanziali
come una stria che mi attraversa
e reca luce fino al fondo
io ne trattengo lo sgusciare
del tuo corpo agile di mari
e bevo il sale
di questa tua distanza
senza quartiere
senza quiete
ti cerco come una luce
al riverbero delle lampare

da quando sei il mio mare.

Nessun commento: