martedì 20 maggio 2014

i passi del giorno

i passi del giorno
-guardavo alla finestra
la pioggia non ha corolle
però disegna
fiori lenti a cancellare i muri
rimangono astanti
porte asciutte di stridore
e grani di brividi
tra connessure e carni

la pioggia ha tutte le parole

rimango a parlarle, socchiuso
prima che mi riprendano
i passisti del giorno
inseguitori come da canea

però l'attimo è ora, un effluvio che posa
il tempo esatto di sfiorire

poi vengano
i passi chiodati, i giorni.

Nessun commento: