martedì 8 luglio 2014

A ghjìr arrètu.

A ghjìr arrètu
‘Na mana ‘nta na mana
e ‘nu passu ‘ntu passatu
arrèt arrètu fin addùve
‘a capa chjanu chjanu va girànn
po’ chjù fort fin a quann
'nta na vota s’acqueta
He chjusi l’occhji a quann a quannu
e mi sugn vist.
Abbannunatu, tannu:
‘e ‘nu cavaddu ch'era
mi sentu com ‘nu ciucciu ara pisèra.
Pur oj he perzu
e mi vruscia chjù d’ajera.

 
All'indietro
Una mano nella mano
e un passo nel passato
indietro fino dove
la testa piano piano va girando
poi più forte fino quando
d’improvviso si acquieta
Ho chiuso gli occhi finalmente
e mi sono visto,
abbandonato infine:
da cavallo che ero
mi sento come un asino a trebbiare.
Anche oggi ho perso
e mi brucia più di ieri.

4 febbraio 2005.

Nessun commento: