lunedì 24 dicembre 2012

benidittu sia

benidìttu sia
u fridd 'e natàl
e a stidda 'e menzannòtta
ca sinni fuìja, benidìtta
a guantèra dì crùstuli
e u melu ca sinni scinnìja
i battamùri sparàti all'ammucciùnu
e u nùmiru 'mpilàtu 'ntu sinàlu
ppe' far fare ambu ari criatùri
benidìtta sa pàcia ca sinni sàgghja citta
citta com nu melu ca fa l'occhj duci
com i mani da mamma c'accarìzza u figghju
e murmurìja ppe' sa famìgghjia e su natà
strittu strittu
u sòju 'c'arràssu sìa!'.

benedetto sia
il freddo di natale
e la stella di mezzanotte
che fuggiva via, benedetta
il vassoio dei crustuli*
e il miele che colava giù
i mortaretti esplosi di nascosto
e il numeretto infilato nel grembiule
per far fare ambo ai piccoli
benedetta la pace che se ne sale zitta
zitta come miele ad addolcire gli occhi
come le mani della madre che accarezza il figlio
e mormora per la famiglia e il suo natale
a labbra strette 
il suo 'mai sia'.*
.

* la 'guantera' è il vassoio, per chi lo possedeva, altrimenti era un piatto un po' più grande; i crùstul sono dolci tipici, con vino cotto e miele, dal latino 'crustulum', 'dolce'. 
* 'arrassu sia' è una formula di scongiuro, di allontanamento del male e dei mali.


Nessun commento: