sabato 22 dicembre 2012

petra 'e sal, petra 'e sapun

petra 'e sal,
petra 'e sapùn,
'nu per avànt e l'at arrèt
càvic ar i buttìgghji
e càviz arripezzàt
bricichètt i mur mur
e carrumàtt a strata strata
a i stranc o ar'a campàna
semp 'na petra s'è ddè mmuttàr

petr 'e sal,
petr 'e sapùn
e stipètt vacànt
semp a stricàr com i lavannàr
sa petra pùmic c'ha m'ha gghjettàt l'unna
lèggia com 'nu jùr
com l'occhj visp
com 'nu pizz a ris
sa petra cupàta c'u maru mar s'annàca
e par ca mi fissìja,
'nu poch..


pietra di sale
pietra di sapone
un piede avanti e l'altro dietro
calci alle bottiglie
e panataloni rammendati
biciclette contro i muri
e carretti per strada
a sassi lisci o alla campana
sempre una pietra si deve spingere

pietra di sale
pietra di sapone
e dispense vuote
sempre a sfregare come le lavandaie
la pietra pomice che mi ha lasciato l'onda
leggera come un fiore
come un occhio vispo
come un accenno di sorriso
questa pietra rósa che si dondola a mare
e sembra che di me si burli,
un poco.








Nessun commento: