domenica 2 dicembre 2012

A seggiulidda.



A vì, subba l’ant da porta
a seggiulìdda ca s’ascpettàva a tìa
e s’è trovata mmec 'na frugata ‘e vent ara schina
nu tremulìzz ‘e rina ca riminìja 'nta l’occhji
du jurn c’a malanova è scanzata
ha bucat a sipàla e s’è mpilata dintra addimmùrann
a cerculanta ccu i man vacant

A seggia s’è alliverzàta
ma unn ha potùt 'e nent,
a malidìtta s'è assettàta
ca si potìa, gridava, si fossa junnàta
o chisà li s’è quagghjiat u sangu...
Na sèggia un parra,
u dìcia sulamènt
u ròitu toj vacànt.
 Ppè pàtrima e ppèr a  seggia 'nta casa vacanta.
                             *******
Guardala, sulla soglia di casa
la seggiola che s'aspettava te
e s'è ritrovata, invece, una raffica di vento alla schiena
un fremito di sabbia che s'agita negli occhi
dal giorno che la cattiva sorte è passata
ha bucato la siepe e si è infilata dentro attardandosi
la questuante dalle mani vuote

La sedia si è rovesciata
ma non ha potuto nulla
la maledetta si è seduta
che se avesse potuto, avrebbe gridato, l'avrebbe aggredita
o le si è gelato il sangue, chissà...
Una sedia non parla
lo dice soltanto
il luogo tuo vacante.
   Per mio padre e per la sedia nella casa vuota.





Nessun commento: