venerdì 21 dicembre 2012

sì parol a morz

sì parol a morz
cu tempu  'mmutta
com nu manciar a forza
su ventu nìvur ca mi sazìja de rina
s'oliv chjcat com na mana abbannunata
su dolur 'nti rin, sa strata 'e matina
perza com festuca 'nta pisera
su cor 'e lign senza son
e u cor ca cerca
sutt i jìt, nu và e n'un ven

queste parole a pezzi
che il tempo spinge
come un mangiare a forza
questo vento nero che mi sazia di sabbie
e questi ulivi chini come una mano abbandonata
questo dolore a spezzare le reni, e questa strada di mattina
persa come una pagliuzza sull'aia
questo cuore che cerca
sotto le dita, un vai e non vieni



Nessun commento: