sabato 28 giugno 2014

otra dirección

Sì, mi davano per predestinato, per la scrittura o per qualsiasi altra arte o scienza... non ci ho mai creduto, né ai doni di natura, né nella particolarità delle mie capacità; mi sono accollato una vita qualsiasi, rinunciando consapevolmente - in questo, lo ammetto, sono stato precoce - a 'partecipare' , a vivere in un certo senso, o ad impegnarmi a farlo in cambio di soddisfazioni, di  superamento di tappe o raggiungimento di mete. Forse ho vissuto coi remi in barca, senza risolvermi ad utilizzarli. Sono stato un ignavo, tutto sommato, ho vissuto al risparmio, o al massimo al piccolo trotto. Eppure tanti credevano e credono in me... o mi vogliono troppo bene o si accontentano di poco, oppure entrambe le cose. Ma questa è solo una faccia di me... non so nemmeno se è il lato Jeckyll o il lato Hyde, Cyrano o Candide.. chi lo sa... io, io lo so, sempre. Ma non posso dirlo, perché tutti i personaggi che mi abitano hanno diritto ad una loro vita, come il mio solo io ha diritto ad una vita in tutti questi coinquilini, che meritano in pari misura di vivere o di morire, dipende da come mi gira, e da come gli gira, a loro.
Di loro posso soprattutto dire che come me, e da me, sono nati solo per amare. 
Fine della predestinazione.

otra dirección
si hay
un altro indirizzo
se esiste
un posto per diventare soli
una strada da incrociare
abbreviando il cammino
verso le vie a perdersi
per colori di prato
o strie che siano
bionde di grano
e cerulee di cielo
e profonde, di mari
un viatico di vita, un'altra strada
una linea
quella che di nascosto
ho seguito nelle tue mani
quando asciugavano i silenzi agli occhi
lasciando il posto solo
a sillabe tumide di sogni

habrá otra dirección
la de siempre
ci sarà un altro indirizzo
quello di sempre
quello che precedeva
sconosciuti
i miei passi
che ora più non bastano
a vivere di incertezze
ora che ogni tua parola
ogni tuo gesto
imprime un senso ai desideri
e vado in cerca
di strade
anche brevi
mai tracciate da mano
che accomunino
questo tratto di vita
dove ti sento
e senza fine
in ogni direzione
ti trovo
nel posto per diventare soli.

Nessun commento: