mercoledì 4 giugno 2014

Tulio H. Garay, Deseo, 2.



Tulio H. Garay, Deseo, 2.

La mia voglia d’amare si è spinta
Come una lingua sottile
Il mio ponte di sabbia
Lentamente si scioglierà
nel tuo corpo pronto
Bagnandomi
Come una rugiada senza sosta
In risalire animoso di coste
sulle prime
E ardente, di poi
Di acque e di sabbie
Facendo vortici
Tu voli così
Come un sussurro che da dentro
Agita superfici ed orizzonti
E ti reclini e reclini
Nel tuo desiderio che sorprende
Come una luce nella notte
Imprevedibile e folle.

Ti lascerò le mie mani intere
Come falde di un capanno
A proteggere il tuo stelo
E sarai vento
Sarai sabbia
Sarai nitida
Come il sole dei desideri…

Nessun commento: