sabato 13 aprile 2013

eccoti, meridiana

eccoti, meridiana
a segnalare un tempo
impercettibile, un ritmo
che più non serra
o quasi

me ne sto, di me ridendo
ma solo un po'
perché non m'abbia
il tuo di tempo in uggia

torna per te la stagione
lo scrivo alle mie spalle
come è giusto che sia

e mi riavvio, più lento
quasi parte di una bordura
dove affido pensieri a un gorgoglio
che ormai non chiede che finire

a lato, dove si fa sera delle mani
grandi che invitano oblique
a strie di risalita

chissà quale colore scioglierà nella tua notte il cielo...

Nessun commento: