lunedì 8 aprile 2013

scrivo sparse

scrivo sparse
parole ad argini
non bastano
ché sdrucciole
m'offendono per lanterne
e i moccoli
si spendono in cera
della mia stessa sera
o la tela è nel punto
dove il ragno preme
e più affondo si fa
quasi uso il dolore
o avvezzo
alla spoglia che declina
ma il margine che ricorre
si fa confine o quasi
rovescio di polsino

perché molto va a finire
e tutto non basta a rinverdire.

Nessun commento: