sabato 13 aprile 2013

vado a mente

vado a mente
dove mi salva
recondito
un luogo delle infanzie
tutte
sotto una falda che premeva il vento
e i graffi quasi a chiedere
appena sopra ai ginocchi
sollievo a un'aria trista di carezze

il rondone, in alto
ferreo nella sua presa
il filo, tragico, forte del suo destino

e tu in attesa, graffiata dalle fascine

gli implumi nei nidi non urlano
forse il dolore non ha tempo
per chi non ha più voce.

Nessun commento: