domenica 14 aprile 2013

già dimorano

già dimorano parole di maggio
ed in aria m'immagino
le rondini e le rotte
i lazzi striduli
e le code, le più aguzze
del rondone

già si inseguono le ali
e i pensieri fatti
lievi di battiti
quasi a tutela
si avvolgono agli steli

dicono di non andare
di un non lasciarsi
di sperare

ma è nera, come d'arature la terra
che ha già dato, tenue
di speranza troppo a lungo a dimora

Nessun commento: